La forza di volontà:  quando il desiderare si trasforma in riuscire

Le persone sono generatori di bisogni, di valori, di scopi. Ciò che le persone fanno raramente riflette semplici concatenazioni causa-effetto. In genere la maggior parte delle azioni è l’esito di un giudizio ed è sorretta da una determinazione rispetto agli scopi da privilegiare, le risorse da impiegare e alle modalità da seguire. La tendenza ad agire che si traduce in azione è la risultante di uno o più sistemi motivazionali che hanno finito con il convergere e col prevalere su altri nel prendere il controllo sull’azione.

All’inizio la persona avverte, interpreta ed organizza molteplici sensazioni , sollecitazioni, richieste che costantemente e spesso indistintamente vengono generate dal proprio organismo e fornite dall’ambiente in cui si vive.. Quindi riconoscere i bisogni, assegna un ordine di precedenza ai vari motivi, si dà delle ragioni, si prefigge degli scopi e si rappresenta svariate possibilità di azione.

forza di volontà

Solo in parte tuttavia la decisione presa e l’intenzione che la presidia sono sufficienti a preservare la determinazione necessaria lungo tutto il corso dell’azione sino al conseguimento delle mete fissate. Le intenzioni dischiudono la via della soddisfazione ad aspirazioni e preferenze , ma non ne assicurano la realizzazione.

Quali sono quindi i processi che assicurano che un’intenzione si traduca in una realizzazione? Ecco che entra in gioco la volonà. Il successo non sempre è delle persone  più capaci, più ispirate o più entusiaste, frequentemente lo è delle persone volenterose, tenaci e coscienziose.

Il concetto di volontà più risultare sospetto perchè evoca esortazioni ed  ammonizioni, ma ci dobbiamo riferire ad essa come a tutti quei processi che permettono di avviare e dirigere l’azione mantenendo sotto controllo quei fattori interni che possono interferire  con l’esecuzione di un piano.

La forza di volontà si misura dalla capacità di controllare i propri pensieri, le proprie emozioni e le proprie azioni in funzione del raggiungimento degli scopi. Imputiamo alla mancanza  di volontà il persistere di abitudini dannose e all’incapacità di sottrarsi a dipendenze come le droghe, l’eccesso di cibo, le cattive compagnie. Facciamo appello alla volontà per migliorare il rendimento scolastico, nel lavoro, per preservare una relazione affettiva e prendiamo a modello chi pur in presenza di ostacoli ed imprevisti riesce ad onorare i prpri propositi.

 

Da G.V. Caprara “ Motivare è riuscire” ed. Il Mulino

Il mio bimbo è mancino va corretto?

Il mancinismo è la tendenza ad usare, in parte o del tutto, il lato sinistro del corpo per compiere movimenti e gesti automatici e volontari. Si osserva da una serie di movimenti quotidiani: con quale mano ci si abbottona un vestito, se si stringe con la destra o la sinistra, se si utilizza il piede sinistro per calciare un pallone, come si accavallano le gambe ecc. L’essere destrimane/mancino non è testato e determinato dalla mano/piede che si utilizzano per la maggior parte del tempo (per scrivere, mangiare, guidare), ma da gesti che si compiono con una frequenza e durata molto minori.

Destrimane o mancino è una proprietà dei singoli organi (dominanza emisferica, dominanza dell’arto, dominanza oculare): nel corpo molti organi sono doppi, e uno dei due è dominante sull’altro. È possibile essere destrimani nelle mani, mancini nel piede e nell’occhio dominante: non c’è un organo più importante degli altri che definisce una persona nel suo complesso come destrimana o mancina, se non la semplice conta e prevalenza numerica degli organi dominanti destri (o sinistri), che determinano la prevalente attività dell’emisfero cerebrale sinistro (o destro). Altri movimenti meno indicativi del mancinismo sono: con quale mano si scrive e impugna la forchetta per mangiare, carica il pugno, si schiaccia e batte la palla, ci si pettinano i capelli e si lavano denti, si allacciano le stringhe delle scarpe, si tiene l’ombrello, quale orecchio si preferisce per parlare a una persona, quale mano si pone per prima nel nuoto a stile libero. Il lato sinistro del cervello controlla la parte destra del corpo e quello destro controlla la parte sinistra del corpo.

bambina mancina

Può accadere che osservando le attività del bambino notiate che tende ad usare più spesso la mano sinistra rispetto la destra nel compiere azioni comuni. Se ha oltre i 18 mesi di età probabilmente il bambino è mancino. Le tendenze di questi ultimi anni sono a favorire l’utilizzo della mano più idonea al bambino senza forzature nel correggerlo. Una correzione potrebbe risultare addirittura dannosa poichè potrebbe generare ansia e senso di inadeguatezza e sfiducia rallentando i processi di apprendimento di abilità quali la scrittura.Il mancinismo non è più considerato un difetto  e gli studi dimostrano che non sussistono effetti negativi per lo sviluppo intellettivo e motorio.

Gli unici aspetti negativi derivano dal fatto che alcuni utensili di uso comune sono creati per destrimani quindi l’uso di forbici o temperino possono risultare scomodi. Ad ogni modo in commercio esistono utensili realizzati proprio per destrimani che possono mitigare alcune difficoltà.

 

Non è quello che volevo dire…

Sarà capitato a tutti di aver avuto l’impressione di aver parlato chiaro, ma dalla risposta che ricevete vi rendete conto che non è così. Un commento innocente scambiato per un’offesa, un’offerta di aiuto respinta in malo modo. Capita a tutti di venire fraintesi, ma si verifica anche il contrario!

La comunicazione umana è qualcosa di molto complesso non è ha un’ interpretazione fissa per ogni simbolo come nel codice Morse. E’ quindi impossibile non associare un significato a ciò che vediamo, udiamo o percepiamo. Siamo da una parte comunicatori ,ma anche ascoltatori. Il malinteso è il prezzo che paghiamo per la nostra capacità di trasmettere e ricevere. A pensarci bene considerando le infinite variabili è quasi un miracolo che riusciamo a capirci.

Quando si comunica lo scopo è quello di trasmettere un significato,ma come possiamo essere sicuri di esserci riusciti? Il significato della comunicazione sta nella risposta che ricevete!

Riuscire ad eveitare malintesi è possibile prestando molta attenzione alla risposta del nostro interlocutore. Solo così possiamo cogliere un eventuale errore e correre ai ripari. Fondamentale negli affari, ma indispensabile per ogni tipo di relazione.

Quante volte le stesse incomprensioni con amici e familiari si ripresentano? Cosa dovreste cambiare per ottenere il risultato voluto? Vediamo di capire cosa possiamo fare per volgere al meglio la nostra comunicazione.

comunicazione

Pensate ad una comunicazione efficace che ha dato i risultati sperati e pensate non solo a quello che avete detto e fatto, ma anche a quello che pensavate. Quando accade che si dica una cosa e viene interpretata diversamente in realtà non ha torto nessuno. Evitate di biasimare voi stessi o gli altri ed imparate a provare il senso di meraviglia per acquisire una maggiore capacità di tollerare l’ambiguità. Viviamo male in un mondo così imprevedilbile e questo ci rende ansiosi fino a risposte che contengano significati certi come un sì o un no, ma questo non è sempre possibile. Il cambiamento è l’unica cosa di cui si è sicuri. Cosa significa agire in modo che ciò che diciamo ottenga la risposta che vogliamo? Per prima cosa prestare attenzione a noi stessi alle risposte che vengono dal corpo, dai sentimenti e dalle intuizioni. Se riusciamo a “sentirci” possiamo modificarci e “modularci” sull’altro in modo ottimale. Un modo è quello di vedere se stessi e l’interlocutore come su un palcoscenico in questo modo sarete anche spettatori ed è il miglio modo per cogliere eventuali errori. Non dimenticate che quando comunicate avete uno scopo e cercate di influenzare un’altra persona quindi cercate di essere chiari sul vostro obiettivo e cercate di perseguirlo.

 

Che cos’è la PNL? (Programmazione Neuro Linguistica)

La sigla contiene già la risposta: neuro si riferisce alla mente e a come la organizziamo e linguistica si riferisce a tutto ciò che attiene al linguaggio, il modo in cui lo usiamo e la sua influenza su di noi. Programmazione ha a che fare con la sostituzione di comportamenti ripetitivi con azione finalizzate allo scopo. La PNL ha un carattere pratico  e riguarda l’esperienza. PNL significa arricchiere la propria visione del mondo. Riguarda il collegamento tra i nostri pensieri e le nostre azioni che ci collegano al mondo ed alla nostra dimensione spirituale.

Il punto di partenza sono la curiosità e l’attrazione per le persone. La materia di studio è la struttura dell’esperienza soggettiva: in che modo agiamo? In che modo pensiamo o impariamo? La PNL  esamina il nostro modo di agire e di pensare modellando risposte adattive e di qualità.

pnl

Il corpo e la mente sembrano statici eppure cambiano continuamente. I pensieri e la fisiologia del corpo sono sttettamente correlati infatti la natura dei nostri pensieri si ripercuote sulla fisiologia mentre la salute ed il benessere del corpo influenzano i pensieri. Mente, corpo e spirito si fondono nelle nostre convinzioni e ciò in cui crediamo influisce profondamente su pensieri ed azioni. La PNL considera le credenze non in termini di giusto o sbagliato, ma di utili o inutili.

Come fa un comportamento a divenire una competenza? L’acquisizione passa da quattro fasi: nella prima INCOMPETENZA INCONSCIA non siamo in grado di fare qualcosa, non ci abbiamo mai pensato o provato. Poi proviamo , questa azione inizia ad entrare nel nostro comportamento,ma ci rendiamo conto che non siamo  bravi. La fase dell’INCOMPETENZA CONSCIA è cominciata. In questo stadio si apprende molto ed è fondamentale. Segue la COMPETENZA CONSCIA in cui abbiamo imparato a fare una certa cosa con attenzione, infine raggiungiamo un altro livello che è rappresentato dalla COMPETENZA INCONSCIA in cui svolgiamo l’azione con facilità senza pensarci. Esiste un altro stadio che è quello della MAESTRIA ovvero quando si diventa molto bravi ad eseguire determinate azioni. Ciò che interessa la PNL sono i due stadi  mediani coscienti che possono essere appresi in modo più accellerato.

Basata sull’integrazione di varie discipline la PNL è un sistema di sviluppo personale tra i più veloci ed efficaci che aiuta a capire ed usare consapevolmente le dinamiche e i meccanismi del comportamento umano. Utile nello sport, nel mondo degli affari e nei rapporti personali aiuta ad essere positivi e a predisporre a raggiungere obiettivi di eccellenza.

 

Se questo articolo ti ha interessato puoi approfondire su “Manuale di PNL”  Ed. Il Punto d’incontro.