Ti sfido a realizzare i buoni propositi del 2023, ma ti aiuto a farlo!

Eccoti a gennaio pieno di energia e buoni propositi. Se hai qualcosa in sospeso o un sogno nel cassetto è il momento di realizzarlo o per lo meno programmare tutte quelle azioni necessarie affinchè il sogno si avveri.

Sono certa che hai un elenco lunghissimo che comprende obiettivi che si rincorrono di anno in anno senza raggiungere la fase di realizzazione. ci metti molto entusiasmo i primi 15 giorni e poi preso dalla routine le buoni intenzione vanno sfumando per ritornare, con i sensi di colpa, al momento del bilancio di fine anno.

“Quest’anno sarà diverso” è ciò che ti dici ogni anno e a costo di mentire a te stesso lo dirai anche in questo mese, ma questa volta ti insegno qualche trucchetto affinchè tu possa utilizzare le tue energie al meglio e con soddisfazione.

Innanzitutto bisogna procedere per gradi alternando piccoli e grandi obiettivi. Il secondo step è valutare l’effettiva possibilità di realizzazione, ovvero la concretezza di un progetto. Ok essere sognatori, ma un minimo di realtà è necessaria. Il terzo step è pensare a questa lista con ottimismo e senso di sfida senza pensare che tanto hai tempo un anno per realizzarli, ma neanche che puoi realizzarli in una settimana!

Che tu abbia 30, 40, 50 anni o più non è importante basta la volontà di cambiare una volta per tutte il corso della tua vita e diventare anche un esempio per chi ti è vicino.

Inizia dall’obiettivo più difficile, ma contemporaneamente occupati di qualcosa di un po’ più semplice o che ha tempi di realizzazione più brevi. Ciò è necessario affinchè tu possa avere piccole soddisfazioni in attesa della realizzazione di quelli più importanti o difficili. Ciò apporterà energia all’ego che la utilizzerà per spingere l’acceleratore all’obiettivo finale.

Suddividi le tue giornate e fai ordine: prima con la testa e poi con le cose. Un’agenda, o più di una, è fondamentale per vedere su carta i passi che si compiono, se si rispettano i tempi o se è necessario cambiare la strategia. L’organizzazione è la parola d’ordine. Niente tempi stretti, ma abbastanza larghi per ogni attività. Serve a prevedere un imprevisto o permetterci la semplice stanchezza! Quindi vietati ritmi serrati che manterrete per non più di una settimana, ma ritmi sensati e a vostra dimensione che possano essere rispettati per lunghi periodi.

Una alimentazione sana, un minimo di attività fisica, momenti da dedicare ad un hobby non devono mai essere trascurati quando si hanno obiettivi da raggiungere. Non accampate la scusa del non ho tempo, ma organizzate le vostre giornate integrando questi aspetti che sono fondamentali per il buon funzionamento del corpo, della mente e dello spirito. In tutto questo ricordate che non siete soli, e sebbene io predichi spesso il sano egoismo, vi ricordo che gli affetti prendono parte attiva ai vostri progetti e quindi fatevi consigliare, supportare e condividete i risultati. Con la scusa di un obiettivo non dimenticate chi avete accanto! Anche dai vostri parenti ed amici potete ricevere energia ed entusiasmo: i momenti passati con loro sono importanti!

I buoni propositi per i più coraggiosi e … tenaci

Lunedì.

Non un lunedì qualunque, ma il primo lunedì utile dell’anno; quello dopo l’Epifania, che ogni festa porta via. Abbiamo già avuto un primo lunedì in questo 2021, ma accora appesantiti dalle mangiate delle festività (in fondo si poteva fare ben poco di altro!) non abbiamo messo a punto la lista dei buoni propositi per il nuovo anno e non eravamo nelle condizioni di affrontarli seriamente come di fatto dobbiamo fare oggi perché non abbiamo più scuse!

Ad inizio anno la lista dei buoni propositi, in testa, perché molte volte non abbiamo neanche la compiacenza di scriverli, svanisce dopo i primi giorni con il sopraggiungere del solito tram tram. Nella lista dei buoni propositi vanno inserite tutte quelle cose che negli anni scorsi non eravamo pronti ad affrontare compresi alcuni sogni che hanno bisogno di un arco di tempo maggiore di un anno per essere raggiunti.

I buoni propositi non devono prendere la forma delle cose da fare, perché non deve essere la lista della spesa attaccata alla lavagnetta della cucina. I nostri obiettivi devono essere:

  • cosa voglio migliorare di me, nelle mie relazioni, nel lavoro.
  • obiettivi da raggiungere in campo professionale o relativi ad un hobby

Se siamo pigri dovremo imporci di più, se non crediamo in noi stessi cerchiamo appoggio e condividiamo i nostri sogni con chi crede in noi e può aiutarci a non perderci d’animo.

Che sia perdere peso, smettere di fumare, imparare a ballare o una lingua straniera, fare un avanzamento di carriera, comprare un’auto nuova o incontrare la persona della nostra vita….facciamo che nel mese di febbraio la lista dei nostri obiettivi sia aumentata con entusiasmo e che alcuni propositi si siano realizzati. Non trascinatevi fino a dicembre confidando in un nuovo anno che non porterà nulla di buono se non pensate di impegnarvi un po’.

Quindi iniziamo subito, da ora senza perdere tempo e… buon anno!

 Se volete condividere come me i vostri sogni e buoni propositi sarò pronta a sostenervi e ricordarvi di non perdere la retta via nel corso di questo 2021 appena cominciato.

2020 Addio 2021 Benvenuto

Personalmente mi ritengo fortunata. Il 2020 non mi ha creato particolari disagi a parte le prime settimane di lock down in cui ho dovuto affrontare un nuovo assetto. I piani prefissati sono stati raggiunti, le vacanze comunque fatte e non ho subito perdite per via della pandemia (solo questo mi dovrebbe far fare salti di felicità!!)

Lo sguardo al 2020 appena concluso quindi non è completamente negativo. Mi sono resa conto che stavo andando troppo di corsa. Ho recuperato il mio tempo. Sto vivendo da allora tempi più dilatati. Mi concedo molti più momenti per assaporare quello che faccio: con mia figlia, la famiglia ed anche la casa. Ho riscoperto quanto è bello addobbare la casa per le feste: l’ho sempre fatto, e sempre di corsa tra una cosa e l’altra, ma quest’anno ho fatto tutto con gioia ed amore godendomi tutti i momenti.

Credo che questo sia il grande insegnamento. Non perdiamo tempo dietro le cose perse, diceva qualcuno, ma godiamoci di più quello che abbiamo e che facciamo. Non c’è tempo per sprechi di tempo, di denaro, di affetti. Amiamo chi ci ama, chi dedica un minuto a noi e alla nostra felicità. Evitiamo di frequentare persone inutili e negative che possono solo ledere la nostra autostima e serenità. Dedichiamoci alle cose che amiamo e a quelle che non abbiamo mai fatto. Non dimenticate di andare a trovare quella persona, di fare quella telefonata oppure dire quella cosa a qualcuno.

Bene o male siamo arrivati fino a qui quindi non ci manca la tempra per andare avanti ed in questi mesi abbiamo comunque imparato parecchio. Dobbiamo metterci in testa che siamo in grado di trasformare i problemi in opportunità. Qualcuno direbbe vedere il bicchiere mezzo pieno!

Impariamo a dare le giuste priorità alle cose. Anche sul lavoro spesso ci si ossessiona a qualsiasi ora invece di riposarci o staccare un po’ il cervello. Spesso quando siamo stressati facciamo errori e valutazioni errate che non faremmo con la mente più riposata e sgombra. Spegniamo il cellulare quando siamo con i nostri cari. Scegliamo insieme il film da vedere in una domenica di pioggia e prepariamo la cena insieme alla famiglia. Ogni momento è importante.

Se ci impegnamo verso noi stessi rispettandoci ed amandoci  sono certa che ognuno potrà raggiungere la propria serenità.