L’importanza del lavoro

Passiamo un terzo della nostra vita lavorando. Molto di più di quello che dedichiamo ai nostri bisogni fisiologici come mangiare. Lavorare è necessario, sicuramente per l’introito economico che ne deriva che ci conferisce un minimo di stabilità per prenderci cura di noi e della nostra famiglia, ma il lavoro è molto di più.

Parte della nostra identità deriva dal nostro lavoro e noi scegliamo un lavoro in base alle nostre caratteristiche e predisposizioni. Purtroppo non tutti possono scegliere il lavoro dei loro sogni o quello per cui si è dedicata una vita di studi e molti si devono accontentare di quello che si trova. Insomma un lavoro che paghi l’affitto!

In ogni caso cerca di fare bene il tuo lavoro qualsiasi esso sia. E’ molto importante non avere la sensazione di buttare il proprio tempo che potrebbe essere utilizzato in altre attività più appaganti.

Se sei un libero professionista conosci già i pro ed i contro di questa situazione, ma se hai avuto il coraggio di metterti in proprio e non avere “padroni” e riconosci le tue capacità non rammaricarti se il tuo lavoro a qualcuno non piace (non piacerai mai a tutti!)

Lavora a testa bassa. Non distrarti. Concentrati e godi del tuo lavoro. Ascolta eventuali consigli, ma non farti influenzare. Se hai un’idea cerca di realizzarla. Se l’esito è positivo rallegrati con te stesso, guardati allo specchio e sorridi. Se fallisci impara dalla lezione e la prossima volta dedica maggiore impegno ed attenzione. Cerca il divertimento nelle cose che fai e sii contento del lavoro che hai scelto. Se non ti appaga cerca altro, perché la vita è lunga e non si può vivere di rimpianti, di scelte non fatte, di decisioni mai prese!

Perchè facciamo quello che facciamo?

Emozioni, bisogni, scopi innescano la nostra propensione a pensare, sentire ed agire. Le ragioni per cui le persone fanno quello che fanno è perchè sta quindi in quello che pensano, provano, desiderano. Ogni individuo pensa ed agisce secondo schemi definiti dalla propria personalità.

Considerando la personalità la possiamo identificare come una architettura con caratteristiche relativamente stabili che assumono rilievo in un particolare contesto sociale e che permettono di distinguere le persone le une dalle altre sia un sistema cosciente di sè, che agisce nel mondo in accordo a giudizi di valore.

Tratti motivi, valori, atteggiamenti, percezioni e valutazioni di sé sono costrutti dei quali ci serviamo per rendere conto di ciò che le persone fanno, sentono, pensano, desiderano e quindi delle varie espressioni fenomeniche della personalità.

Perchè facciamo quello che facciamo imm

Con essi facciamo riferimento a ipotetiche strutture mentali che verosimilmente rispecchiano il funzionamento di diversi sistemi psichici, esecutivi e valutativi che operano in concerto. Esistono due prospettive per cui è possibile guardare alla personalità. Una la vede come costruzione sociale che caratterizza l’individuo in sistemi di descrizione e classificazioni condivisi e quella che vede la personalità come un sistema capace di autoregolarsi secondo molteplici schemi psicologici e biologici.

La ricerca delle ragioni di ciò che facciamo è  quindi inseparabile dalla personalità. Quali che siano i desideri, i bisogni, gli affetti è sopratutto un sistema personale di attribuzione di valore e di senso che detta le regole del gioco.

L’educazione è una questione di atteggiamenti

La definizione di educazione corrisponde al “Metodico conferimento o apprendimento di principi intellettuali e morali, validi a determinati fini, in accordo con le esigenze dell’individuo e della società”. Semplice, chiaro e lineare. Il problema si pone dalla teoria alla pratica dove gli attori coinvolti spesso si trovano in difficoltà.

Per qualche genitore non è facile da comprendere che i figli non sono fatti per soddisfare le loro esigenze ed aspettative e tantomeno per compensare desideri e frustrazioni. Neppure i genitori più attenti si rendono conto che in modo consapevole o inconsapevole riescono a condizionare le scelte dei figli. In generale è necessario interrogarsi spesso su quale strada si stia tracciando per loro.

educazione

Il Prof. Giovanni Bollea diceva che “le mamme non sbagliano mai” , ma ogni tanto fermarsi per capire dove si sta andando e magari raddrizzare il tiro potrebbe essere saggio, perchè il mestiere di genitore non lo insegna nessuno e qualche errore sicuro si commette anche se in buona fede. Già dalla nascita è necessario considerare il bambino come un essere vivente con la sua unicità e degno di essere accettato incondizionatamente. Cosa può fare un genitore per aiutare il bambino ad esprimersi liberamente, su quali strumenti può contare?

Fondamentale è l’osservazione per comprendere le naturali inclinazioni del bambino, poi il dialogo per canalizzare tali inclinazioni e permettergli di parlarne. Necessaria l’empatia per sostenere , spronare, incentivare e motivare. Per fare questo occorre una grande apertura mentale e rappresentare un supporto positivo. Fondamentale permettergli di esprimere dubbi, preoccupazioni, timori senza il timore di essere giudicato. Essere sinceri sostenendo il senso di realtà specie quando si avvicina il momento di fare scelte importanti.