PSICOLOGIA DEL CONSUMO e nuove dipendenze: attenzione a come si usa lo smartphone può rivelare la vostra intelligenza!

Da recenti ricerche sembra che l’utilizzo dello smartphone può trasformarsi in dipendenza esattamente come una droga e allo stesso modo può deteriorare  i processi di pensiero. L’uso dello strumento in questione è destinato ad aumentare nei prossimi anni. Vediamo quali effetti produce sulle nostre menti e come viene influenzata la nostra esistenza.

*La Smartphone Dipendenza  secondo un nuovo studio di psicologia, è stata collegata al pensiero pigro e ad un rallentamento delle funzioni cognitive. In questi anni la ricerca che riguarda cellulari e psicologia del consumatore  si è fatta sempre più serrata per definire le nuove interazioni tra cervello e tecnologia. La ricerca psicologica ha trovato che le persone più intelligenti tendono ad utilizzare la funzione di ricerca sul loro smartphone meno spesso.

I pensatori intuitivi, però, che tendono ad essere meno intelligenti, sono più inclini a ricercare le informazioni sullo smartphone. Quindi utilizzare in maniera differente il nostro pensiero significa utilizzare la tecnologia in maniera diversa? Ecco cosa dicono gli studiosi:

Gordon Pennycook, che ha co-condotto lo studio, ha detto:“I pensatori intuitivi, possono cercare informazioni che in realtà sanno o potrebbero facilmente imparare, ma non sono disposti in realtà a fare lo sforzo di pensare.”Al contrario, i pensatori analitici, che sono generalmente più intelligenti, secondo la ricerca, sono meno propensi alla funzione “cerca” del loro cellulare.

dipendenza-da-smartphone per sito

Dr Nathaniel Barr, che ha co-condotto lo studio, ha detto: “Decenni di ricerca hanno rivelato che gli esseri umani sono sempre propensi a evitare sforzi e spendere energie cerebrali per trovare soluzioni, quando la risoluzione dei problemi poi è a portata di dito, questi utilizzano i loro smartphone come se fosse l’estensione della loro mente.”

La ricerca ha chiesto a 660 persone di mettere alla prova la loro smartphone dipendenza.Le loro abilità verbali e di alfabetizzazione sono state valutate, assieme al loro stile di pensiero.I risultati hanno mostrato che le persone con più capacità di pensiero analitico usano la funzione di ricerca sul proprio smartphone molto meno. Lo studio è pubblicato sulla rivista  Computers in Human Behavior  Barr 2015.

Mr Pennycook ha detto:“La nostra ricerca fornisce le prove che ci sia un’associazione importante tra l’uso continuo dello smartphone e l’abbassamento dell’intelligenza. Che gli smartphone in realtà diminuiscano l’intelligenza è ancora una questione aperta che richiede ulteriori ricerche.”

Detto questo, è possibile che una smartphone dipendenza crei nelle persone un indebolimento della capacità di pensiero.

Dr Barr ha continuato:“La nostra smartphone dipendenza e la dipendenza ad altri dispositivi probabilmente continuerà ad aumentare.E’ importante capire come gli smartphone influenzino e interferiscano con la psicologia umana prima che queste tecnologie siano talmente radicate da non poter più ricordare come era la vita senza di loro.

E forse potremmo già trovarci a quel punto.”

  • Fonte web

https://www.psicosocial.it/psicologia-del-consumatore/

Piacere e compiacere: la dimensione sociale

Nella formazione di una intenzione e nel perseguimento di uno scopo non contano solo le nostre preferenze, ma anche le percezioni di come le nostre scelte verrebbero accolte dalle persone che per noi sono importanti. Prima di tradurre un desiderio in azione passiamo in rassegna tutte le persone che approverebbero la nostra decisione o che ne rimarrebbero deluse. Quasi come avere di fronte una folla pronta a mostrarsi pro e contro il nostro operato.

Questo no accade solo nelle cose importanti della vita, come la scelta del partner o la messa al mondo di un figlio, ma anche per l’acquisto di un’automobile, adesione ad un club o altro. A volte le nostre scelte sono vincenti altre devono fare i conti con le reazioni favorevoli e sfavorevoli da parte di amici e parenti.

compiacere per art

Gli autori Ajzen e Fishbein indicano come norma soggettiva le pressioni che prendono forma di reazioni di approvazione o disapprovazione da persone che consideriamo importanti.

Queste pressioni sociali sono interiorizzate in base alla nostra cultura, al luogo ed al tempo in cui viviamo e nella comunità in cui siamo inseriti. Queste regole soggettive non fanno riferimento ad alcun codice scritto , ma guidano, orientano, dissuadono. Spesso la pressione a conformarsi a quelle che si ritiene siano le aspettative altrui diventa più impellente del rispetto di quelle stesse norme. Si tratta di pressioni che possono esercitare un’influenza notevole rispetto alla mete che vengono perseguite, all’impegno che viene profuso e alle giustificazioni che vengono fornite. Quanto maggiore è l’importanza che attribuiamo all’approvazione altrui tanto minore diventa la nostra libertà di agire. Spesso la pressione sociale diventa un forte elemento di dissuasione. In alcuni casi persone capaci non riescono ad arrivare al raggiungimento di una autonomia ed indipendenza per paura di dispiacere (in genere un familiare), mentre persone con un potenziale più modesto, ma supportate nelle loro scelte, possono raggiungere traguardi importanti.

Le norme soggettive possono risultare per alcuni potenzianti per pura compiacenza, mentre altri si ritraggono dal successo per evitare gelosie ed invidie. Quanto più riusciamo a liberarci di certi condizionamenti e siamo in grado di gestire eventuali insuccessi od incidenti di percorso, quanto più saremo liberi di fare le nostre scelte, di sbagliare ed anche di gioire dei nostri successi.