Psichiatria Nutrizionale : quando cibo e psiche vanno di pari passo

Il collegamento tra mente e corpo dimenticato dalla medicina tradizionale per molti anni sta acquisendo sempre maggiore interesse man mano che si inizia a prendere in considerazione  il paziente in una visione globale quasi olistica. Il funzionamento del nostro cervello è condizionato dallo stato di salute o stress del nostro corpo e viceversa…

L’associazione tra alimentazione e salute mentale è un fatto ormai certo visti i contributi delle numerose ricerche che ogni anno vengono resi noti. Alcuni disturbi mentali possono essere “riequilibrati” attraverso l’alimentazione ed i risultati sono talmente incoraggianti da far emergere una nuova disciplina che è quella della Psichiatria Nutrizionale.

Questa nuova disciplina partendo dai presupposti che i singoli nutrienti sono fondamentali per un corretto funzionamento cerebrale, come gli Omega 3, alcune vitamine, il Ferro ecc, sta approfondendo le connessioni tra salute mentale ed alimentazione ed in particolare sullo stile alimentare. Alcuni modelli dietetici “salutari” sono fondamentali per il benessere individuale creando una condizione di prevenzione diminuendo il rischio a contrarre patologie riguardanti l’umore come segnalato da Psaltopoulou, Sergentanis, Panagiotakos & al., 2013.

Numerosi autori sottolineano il rapporto tra qualità della dieta e salute mentale, evidenziando come stili nutritivi sani  prevengano  varie patologie di tipo depressivo e come al contrario diete malsane incidano sulla salute mentale di giovani (O’Neil, Quirk, Housden & al., 2014) e di adulti (Akbaraly, Brunner , Ferrie & al., 2009).

Ulteriori conferme vengano dalla valutazione su alcune  persone affette da disturbi mentali che presentano spesso situazioni di disequilibrio fisico che potrebbero essere mediate dalla nutrizione, come ad esempio infiammazioni croniche (Kivimäki, Shipley, Batty & al., 2014) ed alterazioni del metabolismo (Marazziti, Rutigliano, Baroni & al., 2014).

Proprio la prevenzione dei disturbi mentali è attualmente il fulcro dell’attenzione sull’incidenza della dieta e degli stili di vita. Logan e Jacka nel 2014 sottolineano come un’alimentazione corretta agisca non solo in senso preventivo di vari disturbi mentali diagnosticabili, ma anche sulla “qualità della vita percepita”.

questo articolo lo trovi anche sulla mia rubrica MIND&FOOD su RomaOggi.eu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...