Seggiolini anti abbandono …sicurezza o vergogna??

 

Riflessione e provocazione:

Il dispositivo anti abbandono è obbligo di legge. Da marzo partiranno sanzioni per chi non sarà in regola con la direttiva. Una domanda è d’obbligo: Cosa sta succedendo agli esseri umani che non sono in grado di proteggere i loro “cuccioli” e che è stata necessaria addirittura una legge per tutelarli? …il dibattito è aperto!

Un iter burocratico partito nel 2018 a seguito di ripetuti casi di abbandono (accidentali?) di bambini in auto. Episodi che sono divenuti fatti di cronaca perché la “dimenticanza” ha creato vittime.  C’è voluto un decreto attuativo dell’articolo 172 del Nuovo codice della strada nel 2019 fino ad arrivare ai nostri giorni in cui da marzo partiranno sanzioni da 81 a 326 euro, fino ai casi di recidiva per cui è previsto il ritiro della patente, per chi non sarà in regola con la direttiva.

Il dispositivo anti abbandono è quindi obbligo di legge. Tecnicamente è dotato di un sensore che rivela la presenza di bambini in auto e che emette un segnale (sul cellulare o altro dispositivo) se il genitore esce dalla autovettura. Sono state previste anche detrazioni fiscali per incentivare l’uso dei suddetti seggiolini.

Teddy bear strapped in with seat belt in back seat of car

Se c’è un problema va affrontato e probabilmente è una delle soluzioni, ma la mia domanda è alla base: cosa sta succedendo alle persone che sono talmente prese da se stesse da dimenticare che esistono i loro figli? C’è bisogno di un obbligo di legge per responsabilizzare un adulto per il quale dovrebbe essere una condizione assolutamente naturale prendersi cura di suo figlio?

Diventare genitori è un piacere ed una enorme responsabilità non si è obbligati ad esserlo. Si può scegliere, ma è una scelta che non permette ripensamenti. Forse in questa società dove si vuole tutto e subito (e quel tutto passa subito di moda con il relativo entusiasmo!) forse sarà necessario fare un passo indietro, perché sembra proprio che stiamo perdendo la nostra umanità Anzi l’essenza stessa della vita che è in primis quella del proseguimento della specie. Forse noi umani non abbiamo più diritto ad esistere?