Tempo: lusso dei nostri giorni

Tempo, Spazio, Silenzio sono  i nuovi lussi dei nostri tempi (frenetici!!). La nostra società ci giudica in base alla capacità di fare più cose contemporaneamente, di resistere  al rumore,allo stress. Per questo avere la possibilità di ritagliare, almeno ogni tanto, uno spazio per sé in cui fermarsi viene percepito come un privilegio, ma anche con la sensazione di avere “rubato” qualcosa.  La nostra vita è sempre piena di cose da fare, cose che hanno sempre la priorità prima di noi stessi! Ormai ci manca il tempo per tutto : per pensare, per riposare, per gioire della vita.  Diventa sempre più necessario agli uomini e alle donne di oggi intraprendere  uno stile di vita che preveda la possibilità di ritagliare un po’ di tempo per sé e volersi bene. Nelle corse quotidiane, nello stress ci alimentiamo male, saltiamo pasti o facciamo pasti “non adeguati” eppure mangiare è uno dei piaceri della vita.

15073534_10157949530425105_4151170367105527979_n

Impariamo a farlo bene e con gusto! Il cibo è un importante veicolo di piaceri ed emozioni e qualche “strappo” (a patto che si tratti di qualche) è permesso. Quando la bilancia “sale” diete rigide e punitive non servono, poiché ridurre drasticamente l’alimentazione per brevi periodi non basta, perché la dieta viene concepita come una situazione temporanea.

Se non si modificano le abitudini di vita nel lungo periodo gli sforzi vengono vanificati e si rischia di instaurare un circolo vizioso (fallimento, senso di colpa, caduta dell’autostima). Concludendo bisogna andare oltre la dieta, guardando al benessere complessivo del nostro organismo. Non bisogna usare il cibo in modo improprio per consolarci, gratificarci, socializzare, confondendo lo stare bene con la sazietà. Mangiamo male di corsa, spesso di fronte la TV in questo modo il cibo non regala benessere. Vogliamoci bene, oltre che con un’alimentazione adeguata, con tanti piccoli momenti quotidiani in cui riconciliarsi con noi stessi e con il mondo: qualche momento di silenzio da soli in cui rilassarsi e non fare nulla,  un break durante la giornata per ristabilire la giusta carica ed il giusto umore per ricominciare. Una passeggiata nel verde, un libro con cui fantasticare, non sono tempo “perso” , ma momenti di…lusso!!

Libro: “Dimagrire una scelta consapevole”

 

Prefazione breve

Questo non è un altro libro sulle diete. Certo, si parla di cibo, di alimentazione, ma principalmente si parla di cambiamenti che devono avvenire dentro di voi, se volete veramente raggiungere l’obiettivo della perdita e del successivo mantenimento del peso corporeo.

Se sperate di trovare qui la formula magica, la bacchetta della felicità, rimarrete delusi. Forse non ve ne siete accorti, ma nella vita senza sacrifici non si ottiene nulla. Il percorso che propongo è una strada in salita, costellata da mille difficoltà, ma una volta arrivati al traguardo quello che avrete imparato sarà vostro per sempre. Niente di duraturo si ottiene se vogliamo passare per le scorciatoie: l’unico sistema è un impegno sincero, costante, vissuto con entusiasmo.

foto-x-copertina

E’ necessario riprendere in mano la propria vita, riappropriandosi  del proprio corpo “passo dopo passo”, scoprire in che cosa credete davvero, fare attenzione a come vi comportate e a quello che fate quando le cose non vanno per il verso giusto. A cosa dedicate tempo e come lo fate, ma anche a come spendete i soldi ed infine a come mangiate. Non è una questione di kg. anche se i kg c’entrano eccome! Ciò che siete sta nel vostro piatto, il vostro rapporto con il cibo dice tutto dell’atteggiamento che avete nei confronti della vita : mangiate nello stesso modo in cui vivete.

Le abbuffate o le privazioni continue s’intrecciano ad esigenze intime e assolute che vanno al di là del rapporto con la bilancia o con l’immagine esteriore. Ad attivarsi è ben altro: la dose di gioia e di benessere o la soddisfazione a cui credete di aver diritto. Medici nutrizionisti o dietologi prescrivono diete, danno alcuni consigli e propongono un controllo ad un mese …  e voi siete lì con tante belle pagine, ma “soli”  ad affrontare le insidie, i dubbi e le difficoltà.  Se fosse facile intraprendere una dieta e seguirla, non ci sarebbero così tante persone obese o in sovrappeso che ad ogni fallimento si sentono sempre più inadeguate e sconfitte…

 

DIMAGRIRE : UNA SCELTA CONSAPEVOLE / METODO INTEGRATO della Dott.ssa SCANU

Autore: Emanuela SCANU   Editore Campi di Carta 2013

Disponibile in versione cartacea ed E-Book dal sito Campi di Carta, ma anche tramite Amazon, Feltrinelli, Il mio Libro…

 

 

Disturbi del comportamento alimentare e Stress: Malattie dei nostri giorni

Qualche giorno fa su Facebook ho letto una cosa divertente, ma che mi ha fatto riflettere su come velocemente sono cambiati i ritmi e le esigenze della nostra vita.

La frasetta diceva grosso modo così: “Se mio nonno sapesse che spendiamo più soldi per dimagrire che per mangiare direbbe che siamo folli!”. Bisogna riconoscere che c’è del vero se pensiamo che i nostri nonni hanno fatto la fame durante  la guerra e che noi sprechiamo cibo o che ci nutriamo in modo scorretto pur nell’abbondanza.

Il mio intento è farvi fermare un momento, e se state leggendo forse ci sono riuscita, per farvi riflettere sul titolo di questo articolo perché vi riguarda tutti in misura maggiore o minore e forse vi permetterà di prendere un po’ di distanza da alcune sollecitazioni…inutili (psicologicamente parlando!).

dsa

I disturbi del comportamento alimentare sono molto più diffusi di quel che si pensi anche se molto più frequentemente viene citato lo stress come problematica dei tempi moderni. In entrambi i casi possono presentarsi disturbi gravi come psicosi o anoressia o bulimia, ma anche in forma molto lieve tanto da non essere percepiti nel quotidiano.

Lo stress che somatizziamo arriva a danneggiare la nostra salute, ma in modo lento senza che venga percepito. Iperlavoro, arrabbiature, ore seduti in macchina per attraversare la città o spesso anche per fare solo centinaia di metri, lo stare davanti al Pc  portano a “scaricare” le tensioni  mangiando più del dovuto,  digiunando senza ragione,oppure fumando. In apparenza tutto ciò ci sembra normale , ma esiste il rischio reale di ammalarsi anche gravemente nel lungo termine.

Siamo tristemente abituati che quando si sta male , ma non si riconosce una sintomatologia particolare, si finisce con parlare di stress e siamo talmente risucchiati da  ritmi esagerati, alla poca serenità e alla tensione fisica da considerarli cose normali quando invece non lo sono. La velocità imposta dalla società in cui viviamo ci impedisce di valutare correttamente lo stress a cui siamo sottoposti. Da fenomeno utile all’organismo per rispondere in modo adattivo alle problematiche fisiche e psicologiche , sta diventando quindi un’abitudine “autodistruttiva” che deriva da uno stile di vita non consono al benessere dell’organismo.