Un animale per amico (in età evolutiva)

Chi vive con un animale domestico conosce perfettamente i benefici emotivi e relazionali della convivenza e gli incredibili effetti della Pet Therapy  non sono un’opinione. Per chi ha però dei dubbi sul tenere un animale quando in casa ci sono bambini piccoli  ecco qualche valida motivazione : proverò a descriverne alcune. Naturalmente parlo di un animale sano, generalmente un cane o un gatto,  che vive in casa a cui sono state fatte tutte le vaccinazioni del caso e che abbia a disposizione i propri spazi per mangiare ed espletare le proprie funzioni naturali. La vicinanza ad un animale fortifica le difese naturali e permette di sviluppare un forte senso di responsabilità anche in bambini di pochi anni. Tra loro nasce una certa complicità, e anche se qualche volta il bambino fa qualche piccolo dispetto, l’animale, in genere, si dimostra molto tollerante, perchè avverte che nel piccolo non c’è alcuna intenzione di fargli del male.

bambino-e-gatto

Per un bambino avere un animale per amico permette di esprimere l’immenso bisogno che ha di dare e ricevere amore. Vivere con un cucciolo aiuta il bambino ad adattarsi a ritmi ed esigenze diverse dalle proprie. Per esempio, inizia a comprendere che esistono modi diversi per manifestare e ricevere affetto, come ascoltare le fusa del gatto o accarezzare il pelo del cane.

Abitare con un animale consente al piccolo di affrontare in modo naturale i grandi temi della vita: la nascita, l’accoppiamento, la sofferenza e la morte, spesso rimossi dal mondo degli adulti. A volte con la nascita di un fratellino si possono creare sensazione di esclusione , accudire un cucciolo può essere di aiuto a superare la gelosia per il nuovo nato.

Foto: fonte Web

Il nome simbolo di indentità

Dare un nome ad un nascituro sembra una cosa scontata sulla quale non c’è niente da dire : si fa e basta.  Vorrei farvi notare come invece questo atto risulti avere tantissime sfaccettature psicologiche, sociali e personali per l’individuo che lo riceve e quindi rappresenta un atto di grande responsabilità.

Già nel mondo antico l’imposizione di un nome aveva contemporaneamente il significato di potere sul denominato e di determinare magicamente la sua personalità.

img_3585

Il nome inteso come rappresentazione di sè e simbolo della propria identità psicosociale è un oggetto di studio insolito, forse perchè è così importante da essere scambiato per cosa trascurabile, così immediato e presente da essere percepito senza storia, così personale ed al tempo stesso di chiunque lo pronuncia da essere considerato di nessuno, così voluto da altri da essere ritenuto fortuito, così carico di significati da sembrare senza significato. Sono i paradossi che rispecchiano i contenuti di un discorso tridimensionale che va alle radici socioculturali e storiche, considera gli aspetti logico-linguistici e semantici del nome e si sofferma sui risvolti psicologici della denominazione.

Colui che stabilisce un nome è colui che crea e che forma ciò che ha plasmato. L’atto della denominazione è antico come il mondo e si rinnova continuamente. Ogni volta che denominiamo un altro, rinnoviamo il riconoscimento della sua identità. La modalità e il livello di accettazione del proprio nome diventa così l’espressione del benessere della personalità.

 

Fonte Ed.Kappa “Il nome simbolo d’identità” collana Psiche e quotidianità

L’educazione è una questione di atteggiamenti

La definizione di educazione corrisponde al “Metodico conferimento o apprendimento di principi intellettuali e morali, validi a determinati fini, in accordo con le esigenze dell’individuo e della società”. Semplice, chiaro e lineare. Il problema si pone dalla teoria alla pratica dove gli attori coinvolti spesso si trovano in difficoltà.

Per qualche genitore non è facile da comprendere che i figli non sono fatti per soddisfare le loro esigenze ed aspettative e tantomeno per compensare desideri e frustrazioni. Neppure i genitori più attenti si rendono conto che in modo consapevole o inconsapevole riescono a condizionare le scelte dei figli. In generale è necessario interrogarsi spesso su quale strada si stia tracciando per loro.

educazione

Il Prof. Giovanni Bollea diceva che “le mamme non sbagliano mai” , ma ogni tanto fermarsi per capire dove si sta andando e magari raddrizzare il tiro potrebbe essere saggio, perchè il mestiere di genitore non lo insegna nessuno e qualche errore sicuro si commette anche se in buona fede. Già dalla nascita è necessario considerare il bambino come un essere vivente con la sua unicità e degno di essere accettato incondizionatamente. Cosa può fare un genitore per aiutare il bambino ad esprimersi liberamente, su quali strumenti può contare?

Fondamentale è l’osservazione per comprendere le naturali inclinazioni del bambino, poi il dialogo per canalizzare tali inclinazioni e permettergli di parlarne. Necessaria l’empatia per sostenere , spronare, incentivare e motivare. Per fare questo occorre una grande apertura mentale e rappresentare un supporto positivo. Fondamentale permettergli di esprimere dubbi, preoccupazioni, timori senza il timore di essere giudicato. Essere sinceri sostenendo il senso di realtà specie quando si avvicina il momento di fare scelte importanti.