Giornata internazionale della nonviolenza

Il 2 ottobre è stata proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con Risoluzione A/RES/61/271 del 15 giugno 2007, giornata mondiale della Nonviolenza, con la finalità di “promuovere una cultura della pace, della tolleranza, della comprensione e della nonviolenza”.

È stata scelta questa giornata perchè ricorrenza della nascita di Gandhi. Il termine, coniato per la prima volta nel 1908 indica il nome ufficiale del movimento e del metodo di lotta promosso da M. K. Gandhi: la forza che nasce dalla verità e dall’amore.

Medaglia commemorativa

Discorso del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon

            Mahatma Gandhi, di cui questa giornata commemora l’eredità, una volta osservò che “la nonviolenza, per avere un valore, deve agire di fronte ai nemici”. Al giorno d’oggi, ci troviamo ad affrontare molti nemici – crisi multiple e durature che richiedono una risposta dai leader così come dalla gente comune.

            Gandhi aveva capito che un’idea ambiziosa poteva cambiare il mondo. Lui sapeva che gli individui, lavorando da soli e insieme, potevano realizzare ciò che altri avrebbero reputato un sogno impossibile.

            Ispirate dalla vita di Ghandi votata alla non-violenza, le Nazioni Unite oggi lavorano per porre fine alla violenza.

            Lottiamo, ad esempio, per liberare il mondo dalle armi di distruzione di massa. La nostra recente campagna We Must Disarm – WMD – ha cercato di far crescere la consapevolezza a proposito dell’alto costo delle armi di distruzione di massa. I recenti incontri e iniziative, tra cui il vertice del Consiglio di Sicurezza sul disarmo nucleare e sulla non proliferazione della scorsa settimana, hanno aumentato le prospettive di riduzione degli arsenali mondiali. Dobbiamo dare forza a questo slancio e premere per il successo alla conferenza  di revisione del Trattato di Non-Proliferazione Nucleare del prossimo anno e oltre. 

            L’appello alla nonviolenza non si riferisce soltanto all’uso di armi letali. Le Nazioni Unite e i suoi partner hanno a lungo condotto una campagna per fermare l’assalto umano al nostro pianeta. Le emissioni dei gas serra fanno parte di questo assalto, minacciando un catastrofico cambiamento climatico. Esorto gli attivisti in ogni luogo a spronare i leader del mondo a firmare l’accordo alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico a dicembre a Copenhagen. 

            Anche la spaventosa violenza inflitta alle donne e alle ragazze in tutto il mondo deve essere oggetto delle nostre preoccupazioni. Circa 150 milioni di donne e ragazze ne sono vittime ogni anno. Lo stupro è sempre più diffuso come arma di guerra. Le vittime di violenza sessuale sono soggette molto probabilmente a malattie sessualmente trasmissibili, come l’AIDS. Esorto tutti i partner a unirsi alla mia campagna “UNiTE to End Violence against Women”, che mira ad accrescere la consapevolezza e i fondi per contrastare questo problema in tutte le parti del mondo – visto che nessun paese ne è immune.

            In questa Giornata Internazionale celebriamo – e incarniamo – l’eredità di Mahatma Gandhi, tenendo conto della sua vocazione per un movimento di non-violenza. Mettiamo fine alla violenza in tutte le sue manifestazioni e diamo forza al  nostro lavoro collettivo per un mondo più sicuro, più verde e più pacifico.

Fonte:

https://unipd-centrodirittiumani.it/it/news/2-ottobre-Giornata-internazionale-della-nonviolenza-Messaggio-del-Segretario-Generale-delle-Nazioni-Unite/1406

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...